SAMUELA BOSCOLO - stenotipista giudiziaria

 

 - la stenotipia (didattica)

 - stenotipia e giustizia

 - Samuela risponde

 - mail: samuela@ivdi.it

 - HOME SAMUELA

 

area privata

DIDATTICA

visita il sito

 

 

 

 

LA STENOTIPIA - DIDATTICA - MACCHINA E METODO

 

Stenotipia: "scrittura stenografica eseguita con speciali macchine da scrivere".

Così viene definita la stenotipia dal Devoto-Oli, buon dizionario della lingua italiana. 

Poco esprime tale definizione se non hai cognizione di come è fatta una macchina per stenotipia e del metodo di scrittura adottato per la realizzazione di elaborati stenotipici.

 

L'intento che si propone l'I.V.D. con questa pagina è proprio quello di darti una conoscenza più particolareggiata sia della macchina per stenotipia che del metodo utilizzato per la scrittura, affinché tu possa avere una visione più ampia del termine "stenotipia".

 

L'avvento della stenotipia in Italia, o meglio, una sua più ampia diffusione la si è avuta intorno ai primi anni '90, quando alcune macchine per stenotipia con i relativi metodi si sono affacciati sul mercato con l'intento di proporsi ad un'utenza che cominciava a sentire già l'esigenza di trascrivere il parlato in maniera corretta e il più velocemente possibile.

 

Tra le diverse macchine e i diversi metodi che si sono proposti sul mercato farò riferimento, nel prosieguo, alla macchina per stenotipia Stenograph e al metodo di scrittura Melani unificandoli entrambi sotto la dicitura "Metodo Melani".

 

I motivi che mi spingono ad identificare oggi la stenotipia nel "metodo Melani", sostanzialmente sono tre:

 

a) e' il metodo adottato dall'I.V.D. per l'espletamento dei servizi di stenotipia; 

 

b) è il metodo che si si e' comunque imposto sul mercato;

 

c) comunque sia, la presenza sul territorio di imprese che utilizzano il "metodo Melani" è talmente diffusa che, laddove tu decidessi di visitare una struttura operante nei paraggi del tuo Comune di residenza, sicuramente troveresti strutture operanti con il "metodo Melani".

 

Ti invito, per una più approfondita conoscenza di altri sistemi e altre macchine, a visitare il  sito di Stenotype Italia s.r.l.

 

LA MACCHINA

 

STENOGRAPH: tale macchina riporta alla memoria i vecchi film americani; chi non ricorda il serial "Perry Mason" laddove si vedeva, in un'Aula di giustizia, la brava stenotipista, spesso avanti con l'età per significarne l'esperienza,  che continuava a srotolare ai propri piedi decine di metri di nastro impresso? Ebbene, quella macchina deve avere tanto incuriosito ed entusiasmato il professor Marcello Melani, docente fiorentino di stenografia, che ha deciso di importarla in Italia  creando ad hoc un metodo di scrittura compatibile con le esigenze della lingua italiana, da qui "metodo Melani".

 

Per comodità di lettura, come sopra detto, quando parlerò di "metodo Melani" resta implicito che vorrò indicare sia la macchina della Stenograph che il metodo didattico creato dal Professor Melani.

 

 

 

Stentura - MACCHINA PER STENOTIPIA 

 

 

Tre diversi sistemi di utilizzo possiamo avere con questa macchina:

 

a) memorizzazione della scrittura all'interno di una memoria tampone di cui la macchina è provvista, provvedendo in una fase successiva allo scaricamento del testo in un personal computer e all'elaborazione dello stesso a mezzo di Word processor;

b) memorizzazione della scrittura all'interno della memoria tampone della macchina con contemporanea stampa dei caratteri su nastro continuo di carta;

c) collegamento della macchina ad un personal computer con immediata visualizzazione del testo in chiaro sul computer 

 

Stentura MACCHINA PER STENOTIPIA

                  COLLEGATA AD UN COMPUTER

 

Proprio la possibilità' di poter collegare la macchina di stenotipia ad un personal computer e poter disporre immediatamente di una bozza dell'elaborato ha consentito la diffusione della stenotipia nelle aule giudiziarie. Puoi meglio renderti conto dell'importanza della stenotipia nelle aule di giustizia consultando i verbali stenotipici dibattimentali relativi al procedimento penale contro i presunti autori dell'incendio che ha distrutto il Teatro "La Fenice". 

 

Lavorare con una macchina di stenotipia collegata ad un computer richiede una elevata qualificazione professionale in quanto la correttezza del testo che si sussegue sul monitor e la stampa della bozza dell'elaborato sottopongono costantemente la qualificazione della stenotipista al giudizio dei presenti. 

 

LA TASTIERA DELLA MACCHINA PER STENOTIPIA 

E IL METODO MELANI

 

 

La tastiera della macchina per stenotipia Stenograph é formata da 23 tasti. La lettera "S" alla sinistra della tastiera e l'asterisco, seppur graficamente rappresentati divisi, sono un unico tasto.

 

 

 

 

Per meglio comprendere il metodo "Melani" si rende necessario scomporre la tastiera in due parti fondamentali: la parte di competenza della mano sinistra e quella di competenza della mano destra. 

Parimenti, per poter scrivere nella maniera corretta, si rende necessario scomporre le parole in  sillabe.

 

 

SUDDIVISIONE DELLA TASTIERA

 

 

Consonanti iniziali di parola o di sillaba

Le consonanti riportate su questa parte di tastiera vengono definite iniziali di parola o di sillaba. Es.: se la consonante "s" la consideriamo facente parte della parola "si" possiamo definirla "iniziale di parola; se la consideriamo facente parte della prima sillaba della parola "sa-la-ta" possiamo definirla iniziale di sillaba. 

Le dita che saranno impegnate nella digitazione delle consonanti iniziali di parala o di sillaba, saranno in successione: mignolo, anulare, medio ed indice della mano sinistra.

 

 

Vocali medie o iniziali di parola

Le vocali riportate su questa parte di tastiera vengono definite iniziali di sillaba o medie di parola. Es.: se la vocale "a" la consideriamo facente parte della parola "ala"  possiamo definirla "iniziale di parola; se la consideriamo facente parte della parola "Sara"  possiamo definirla media di parola. 

Le dita che saranno impegnate nella digitazione delle vocali iniziali di sillaba o medie di parola  saranno in successione: pollice della mano sinistra per le vocali IA; pollice della mano destra per le vocali EO.

Nota: la vocale "U" che non compare in questa parte di tastiera, sarà formata digitando contemporaneamente con il pollice della mano destra i tasti riportanti le vocali "EO"

 

 

Consonanti medie o finali di parola

Le consonanti riportate su questa parte di tastiera vengono definite medie o finali di parola. 

Es.: se la consonante "r" la consideriamo facente parte della parola "ara"  possiamo definirla "media di parola";  se la consideriamo facente parte della parola "bar" possiamo definirla finale parola. 

Le dita che saranno impegnate nella digitazione delle consonanti medie di parola o finali di sillaba sanno in successione: indice, medio e anulare della mano destra

 

 

Vocali finali di parola

Le vocali riportate su questa parte di tastiera vengono definite finali di parola, e vengono usate esclusivamente come finali di parola anche se la parola e' composta da una sola sillaba.

Ogni volta che viene digitato uno di questi tasti, se la macchina e' collegata al computer, automaticamente viene generata una battuta di spazio tra la parola scritta e la successiva.

L'unico dito che sarà impegnato nella digitazione delle vocali finali di parola sarà  il mignolo della mano destra.

Nota: anche qui, la vocale "U" che non compare in questa parte di tastiera, sarà formata digitando contemporaneamente con il mignolo della mano destra i tasti riportanti le vocali "AO"

 

 

ESEMPIO DI SCRITTURA

 

Parola "SARA" - una sola battuta -

- mignolo - pollice mano sinistra- anulare - mignolo mano destra

 

 

Parola "SCHIERA" - una sola battuta -

- mignolo - anulare - medio - pollice mano sinistra- pollice - anulare - mignolo mano destra

 

 

A differenza delle più note macchine per scrivere dove i tasti vanno digitati in successione uno alla volta, sulla macchina per stenotipia i tasti vengono digitati contemporaneamente. 

 

Sorge spontanea una domanda: ma come faccio se devo scrivere "casatella" e "barca", che la "L" e la "B" sulla tastiera non le vedo per niente?

 

Per chiarire questo mistero rivediamo per un attimo la suddivisione della tastiera

 

 

Le consonanti iniziali di parola o di sillaba,  non presenti su questa parte di tastiera, si formano con la digitazione contemporanea dei seguenti tasti:

PTV = B; TH = D; TV = F; PC = G; HR = L; CHR = M; H = N; PTVCHR = Q (sei tasti premuti contemporaneamente esattamente sulla fessura di divisione) SPT = Z

La vocale "U" iniziale o media di parola, come già detto,  viene formata dalla digitazione contemporanea della "E" e della "O", col pollice della mano destra

Le consonanti medie o finali di parola,  non presenti su questa parte di tastiera, si formano con la digitazione contemporanea dei seguenti tasti:

CTP = B; TH = D; TP = F;  PR = G; HR = L; SHR = M H = N; CTPSHR = Q (sei tasti premuti contemporaneamente sulla fessura di divisione) CT = V; SH = Z

La vocale "U" finale di parola, come gia' detto, viene formata dalla digitazione contemporanea della "A" e della "O" col mignolo della mano destra

 

Un apposito software provvede a decodificare automaticamente, per esempio, la  digitazione dei tasti P T V in "B" etc.

 

Altra caratteristica del metodo Melani è che parole di uso più frequente possono essere codificate e associate alla digitazione di alcuni tasti a scelta della stessa stenotipista.

Se prendiamo, per esempio, la parola "circostanziato"  che la stenotipista ha deciso di codificare in CS O, basterà premere contemporaneamente questi tre tasti perché il computer, tramite apposito software, provveda a trascrivere automaticamente la parola "circostanziato".

 

La tastiera della macchina da stenotipia è inoltre provvista di autonoma barra dei numeri.

La digitazione dei numeri avviene nella seguente maniera:

 

 "S + barra" per il numero "1"; "P + barra" per il numero "2"; "T + barra" per il numero "3"; "V + barra" per il numero "4";  "I + barra" per il numero "5"; "C + barra" per il numero "6"; "T + barra" per il numero "7"; "P + barra" per il numero "8"; "I + barra" per il numero "9", esattamente come riportato in figura.

 

Il tasto con sovraimpresso  l'asterisco serve, oltre che per digitare l'asterisco se associato alla vocale "A" media, a cancellare l'ultima parola digitata (naturalmente se la macchina e' collegata al computer).

 

Termino qui questa pagina invitandoti a visitare tutte le altre che compongono questo sito affinché tu possa avere una più' completa visione di insieme.

 

  vai alla home page